PER NOUTATORI CHE FANNO  LA TRAVERSATA PER LA PRIMA VOLTA

INFORMAZIONI – NUOTATORI PRINCIPIANTI

In questa serie di punti seguenti cercheró di descrivere e rispondere alle domande di alcuni nuotatori che vanno ad affrontare la traversata per la prima volta, domande che ci hanno fatto in alcune ocasióne

Una traversata in mare aperto, è una traversata dove il nuotatore avrá occasione di incontrarsi solo, senza vedere alcuno nelle sue vicinanze, solo acqua e piú acqua, ció che puó provocare acuna sensazione nuova come angustia e disperazione. La cosa importante è sempre mantener la calma e non porsi apprensivo, perché seguramente un altro nuotatore o una barca si troverá nelle sue vicinanze per aiutarlo nelle sue necesita.

Il nuotatore che si trova difronte a questa prova per la prima volta ,debe aver sostenuto precedentemente una preparazione in acordó con la prova, questo vuol dire che non ha problema per nuotare senza difficoltá per un po´piú di 3 ore. La distanza che separa l’isola di Tabarca da Santa Pola è di 5.900 metri, peró se si presente del mal tempo con onde, correnti contrarie alla traettoria, puó sucederé che questi 5.900 metri, siano piú difficili di quanto uno pensi.

Le referente visuali che si prendono quando si nuota in mare aperto, sono diverse dalla linea Bianca della piscina e al bordo della stessa, è importante localizzare queste referente, sollevando la testa verticalmente, cercando la linea delle boe che marcan il percorso, il percorso piú corto.

È importante aver fatto parte dell’allenamento in mare aperto, dove ci incontreremo con situazioni che possono accadere il giorno della prova, e mai in piscina, onde laterali, mare increspato, piccole correnti e abituarci alla vista che si ha quando si nuota in mare aperto.(normalmente questa vista è spettacolare, peró ci sono ocasióni in cui cambia in oscura e nera). È importante avere un compagno nella traversata, se non lo hai incontrato nella tua piscina, o tra i tuoi amici, puoi encontrarlo nella traversata, sicuramente incontrerai a qualcuno che nuota al tuo stesso ritmo.

Con l’allenamento in mare aperto, lontano dalla costa, potreste incotrarvi con le temute medusa, e scoprirete che non sono cosí dannose come si dipingono. Quelle che si incontrano in questa zona sono di 3 tipi:

  1. Una medusa di grande dimensioni, e bella a vedersi quando nuota, che si suole encontrar isolata, la quale non ostacola il passaggio del nuotatore, non formando barriera, sono facile da avvistare per la loro dimensione, ció che rende facile  evitarle, incluso scansarle con una manata. La parte peggiore sono i filamenti inferiori.
  2. Altro tipo di medusa sono tipiche della zona, hanno un corpo circolare che va da 2 a 7 cm., circúndate da piccoli filamento appiccicosi e dolorosi. Normalmente si incontrano isolate e il veleno che utilizzano non è molto molesto, la reazione che ti da non dura a lungo, se ti punge al principio della traversata, quando giungi a metá non lo senti giá piú
  3. Per ultimo abbiamo quella che riteniamo la peggiore, sono delle stesse dimensioni della precedente, peró il suo veleno è molto piú doloroso, e viaggiano sempre in grande branchi, il che rende impossibile attraversarle.

L’Organizzazione prima di dare la partenza fa una ricognizione visiva della zona della traversata per veder se c’è qualche Branco di queste medusa.

Que si debe fare in caso di contatto con medusa:

  1. Per prima cosa non innervosirsi, ció puó essere peggiore della stessa puntura della medusa.
  2. Non sfregarsi con la mano la parte irritata, ció potrebbe causare l’estensione dell’irritazione a tutto il corpo.
  3. Se consideri necesario fermarti, fallo qualche minuto dopo di aver sentito la puntura, usando il fischietto di salvataggio, porsi in contatto con una delle imbarcazioni per essere tirato fuori dallacqua.
  4. Seguire le raccomandazioni di sicurezza predisponte dall’Oranizzazione.

É importante conoceré se stessi e non raggiungere in nessun momento i limiti delle proprie posibilita, è preferibile se non ci sentiamo bene o ci sono spesso dei crampi, chiedere aiuto quando ancora ci sono le forze per farlo e MAI  E POI MAI RAGGIUNGERE IL PUNTO DI SVENIMENTO.

Un punto critico in questo tipo di competizione, è la partenza, i nuotatori non  sono posizionati in ordine da maggiore a minore velocitá, questo provoca contatto e sfregamento con altri nuotatori, ció puó produrre una certa irritazione.  Se non hai ben chiaro il ritmo che tiene rispetto agli altri nuotatori, e non vuoi questi problema,  è preferibile porsi nella parte posteriore di partenza  e mantenere il tuo giusto ritmo fin dal principio e sicuramente piú avanti supererai alcune di quelle macchine che al principio sono partite sfrenatamente

Nel caso si soffra ripetutamente di crampi, ci si debe soffermare  in modo da poter rilassare la parte colpita, se ti trovi molto lontano dall’arrivo è preferibile  abbandonare la prova e intentarla in altra edizione; se ti trovi próximo alla linea d’arrivo, la formula è di rilassare i muscoli e cercare di non impegnare la gamba colpita dal crampo.

Altro problema possibile è il mal di mare, con gli stessi sintomi del mal di mare normale, vomito e malessere generale.La raccomandazione da parte di uno che lo ha sofferto, è abbandonare e intentare il próssimo anno. Se durante gli  allenamenti in mare aperto giá notate che soffrite di questo malessere, provate  a mettervi dei tampón di silicone nell’orecchio.

È importante al principio della prova di non prendere un andamento che portI ad un ritmo superiore a quello che ci eravamo prefissi di tenere, è preferibile  essendo la prima traversata in mare aperto, tener delle riserve e dare il tutto  nella parte finale.

È importante prima di buttarsi in mare di spalmarsi con vasellina. Le parti piú importante sono le ascelle e il collo per avitar attrito, ci sono nuotatori che la spalmano in tutto il corpo, si dice che questa extra cuticola reduce la resistenza nell’acqua e protege dalle medusa..

Non dimentichiamo che questa è una prova popolare, nella maggioraanza dei asi  ogliamo misurare le nostre stesse possibilitá, facciamo che sia  indimenticabile e convertiamola in una grande festa, peró sopratutto pensa che il cameratismo in mare fa si che questo si possa effettuare, chi lo sa, chissá che  che eviti che venga sospesa.